Ma le stelle quante sono? 351.

dalvangelosecondounostronzo:

'Le cose belle che si trovano in giro per Pisa' parte 2

dalvangelosecondounostronzo:

'Le cose belle che si trovano in giro per Pisa' parte 2

"

Van Huten,
io sono una persona buona ma un scrittore di merda. Lei è una persona di merda ma un buon scrittore. Insieme faremmo una grande squadra. Non voglio chiederle favori, ma se ha tempo – e da quello che visto ne ha un sacco – mi chiedevo se potesse scrivere un discorso funebre per Hazel. Ho tutti gli appunti, ma sarei felice se lei potesse farli diventare un discorso coerente, o anche solo indicarmi che cosa dovrei dire in un altro modo.

Con Hazel le cose stanno così: quasi tutti sono ossessionati dal pensiero di lasciare un segno nel mondo. Di tramandare qualcosa. Di sopravvivere alla morte. Tutti vogliamo essere ricordati. Anch’io. Questo è ciò che più mi disturba, essere un’altra immemorata vittima dell’antica e ingloriosa guerra contro la malattia.

Io voglio lasciare un segno.

Ma Van Houten, i segni che gli umani lasciano troppo spesso sono cicatrici. Costruisci un meganegozio orrendo, o fai un colpo di stato, o provi a diventare una rockstar e pensi: ”Adesso sì che si ricorderanno di me” ma (a) non si ricordano di te e (b) tutto quello che ti lasci alle spalle sono altre cicatrici. Il tuo colpo di stato si trasforma in dittatura. Il tuo negozio distrugge il paesaggio.

(Okay, magari non faccio così schifo come scrittore. Ma non riesco a tenere insieme le idee, Van Houten. I miei pensieri sono stelle che non riesco a far convergere in costellazioni.)

Siamo come un branco di cani che pisciano sugli idranti. Avveleniamo l’acqua di fonte con la nostra piscia tossica, segnando ogni cosa come MIA nel ridicolo tentativo di sopravvivere alla nostra morte. Io non riesco a smettere di pisciare sugli idranti. So che è sciocco e inutile – inutile in modo epico, nella mia attuale condizione – ma sono un animale come chiunque altro.

Hazel è diversa. Lei cammina leggera, vecchio mio. Lei cammina con passo leggero sulla terra. Hazel conosce la verità: la probabilità che abbiamo di ferire l’universo è pari a quella che abbiamo di aiutarlo, ed è molto probabile che non faremo né l’una né l’altra cosa.

La gente dirà che è una cosa triste lasciare una cicatrice più piccola, che saranno in pochi a ricordarla, che sarà stata amata in modo profondo, ma non a vasto raggio. Ma non è triste, Van Houten. È magnifico. È eroico. Non è questo il vero eroismo? Come dicono i medici: primo, non fare del male.

I veri eroi comunque non sono quelli che fanno le cose; i veri eroi sono quelli che NOTANO le cose, quelli che prestano attenzione. Il tizio che ha inventato il vaccino antivaiolo non ha inventato niente. Ha solo notato che le persone che avevano contratto il vaiolo bovino non si ammalavano di vaiolo.

Dopo che la mia PET si è illuminata tutta, mi sono intrufolato nel reparto di terapia intensiva e l’ho vista mentre era priva di sensi. Sono entrato dietro un’infermiera che aveva la tessera magnetica e sono riuscito a stare seduto accanto a lei per dieci minuti prima che mi scoprissero Ho davvero pensato che sarebbe morta prima che io avessi avuto il tempo di dirle che stavo per morire anch’io. È stato spaventoso: l’incessante agressione meccanizzata della terapia intensiva. Aveva quest’acqua scura cancerogena che le usciva dal torace. Gli occhi chiusi. Era intubata. Ma la sua mano era ancora la sua mano, ancora calda, con le unghie dipinte di un blu così scuro che sembrava quasi nero e io l’ho tenuta stretta e ho cercato di immaginare il mondo senza di noi e per circa un secondo sono stato una persona abbastanza buona da sperare che morisse in modo da non dover scoprire che stato per morire anch’io. Ma poi ho chiesto più tempo per poterci innamorare. Il mio desiderio è stato realizzato, suppongo. E le ho lasciato la mia cicatrice.
Cos’altro dire? È così bella. Non ti stanchi mai di guardarla. Non ti preoccupi se è più intelligente di te: lo sai che lo è. È divertente senza essere mai cattiva. Io la amo. Sono così fortunato ad amarla, Van Houten. Non puoi scegliere di essere ferito in questo mondo, vecchio mio, ma hai qualche possibilità di scegliere da chi farti ferire. A me piacciono le mie scelte. Spero che a lei piacciano le sue.
Mi piacciono, Augustus.
Mi piacciono.

"
Colpa delle stelle - Jhon Green. (via nelmiomondoideale)
Anonimo asked:
la cosa peggiore che hai dovuto fare nell'arco della settimana?

Questa settimana fortunatamente non è stata troppo stressante! La cosa peggiore credo sia stata lavorare (faccio da baby sitter ai due figli dei vicini). Mi dispiace se ti aspettavi una risposta più emozionante ahaha!

Grazie Anon! :)

7disera:

Scusa se a volte
ti amo poco
ti amo meno
mi innamoro di altro
di altri
sono crudele
bastarda e disattenta
ti porteranno via da me
ma anche allora
ricorda
che sempre da te
sempre da te
io torno
e non mi lascio toccare
non mi lascio raggiungere
se non da te
ma fammi illudere
di essere ancora bella
la più bella
fammi illudere di poter ancora
cambiare qualcuno con uno sguardo
concedimi un po’ di riposo
'ché anche chi ama tanto
a volte è stanco.

seccasetedite:

Che tu sia per me il coltello, David Grossman.

seccasetedite:

Che tu sia per me il coltello, David Grossman.

halfanarrow:

Happy Birthday Dylan O’Brien - August 26th, 1991

halfanarrow:

Happy Birthday Dylan O’Brien - August 26th, 1991

Happy 23rd Birthday Dylan O’Brien! (August 26th, 1991)

punticardinali:

La leggenda più affascinante sul girasole:
"Clizia era una giovane ninfa, innamorata persa del Sole. Pertanto lo seguiva tutto il giorno, mentre lui guidava il suo carro di fuoco per tutto l’arco del cielo. Il sole, dapprima fu lusingato e un pochino intenerito da quella devozione, che credette di esserne a sua volta innamorato e decise di sedurla, cosa non difficile per lui! Ma ben presto il Sole si stancò dell’amore di Clizia e le diede il benservito, rivolgendo altrove le sue attenzioni. La povera ninfa pianse ininterrottamente per nove giorni interi. Immobile, in mezzo a un campo, osservava il suo amore attraversare il cielo sul suo carro di fuoco. Così, pian piano, il suo corpo si irrigidì, trasformandosi in uno stelo sottile ma resistente, i suoi piedi si conficcarono nella terra mentre i suoi capelli diventarono una gialla corona. Si era trasformata in un fiore bellissimo color dell’oro, il girasole. Ma anche nella sua nuova forma, la piccola ninfa innamorata, continua tutt’ora a seguire il suo amore durante il giro nel cielo”.
(via: punticardinali)

punticardinali:

La leggenda più affascinante sul girasole:

"Clizia era una giovane ninfa, innamorata persa del Sole. Pertanto lo seguiva tutto il giorno, mentre lui guidava il suo carro di fuoco per tutto l’arco del cielo. Il sole, dapprima fu lusingato e un pochino intenerito da quella devozione, che credette di esserne a sua volta innamorato e decise di sedurla, cosa non difficile per lui!
Ma ben presto il Sole si stancò dell’amore di Clizia e le diede il benservito, rivolgendo altrove le sue attenzioni.
La povera ninfa pianse ininterrottamente per nove giorni interi. Immobile, in mezzo a un campo, osservava il suo amore attraversare il cielo sul suo carro di fuoco.
Così, pian piano, il suo corpo si irrigidì, trasformandosi in uno stelo sottile ma resistente, i suoi piedi si conficcarono nella terra mentre i suoi capelli diventarono una gialla corona. Si era trasformata in un fiore bellissimo color dell’oro, il girasole.
Ma anche nella sua nuova forma, la piccola ninfa innamorata, continua tutt’ora a seguire il suo amore durante il giro nel cielo”.

(via: punticardinali)

cose-preziose:

Da chi aspetti un messaggio?

cose-preziose:

Da chi aspetti un messaggio?

welcome-tonirvana:

vraieronique:

Body Art by Gesine Marwedel, German artist.

che cosa bellissima
Posted 1 mese fa
with 3712 notes

via: elisa2610
source: icesalis